“E’ stata la mano di Dio” Amarcord su Napoli, capolavoro di Paolo Sorrentino

Per me trovare il tempo di andare a Cinema o a Teatro, diventa sempre più difficile.
Gli impegni, il Bar, la politica, mia figlia Ariel, mi prendono tutto il mio fiato.
Lo stesso fiato e respiro che ha cadenzato, con ritmo crescente, la Magnificenza di “È stata la mano di Dio” di Paolo Sorrentino.
Un vero e proprio melodramma cinematografico sceneggiato dal geniale regista, che trasferisce a noi spettatori i mesi cruciali della sua vita da giovane diplomato nella piena esplosione di una Napoli eccitata dalla venuta del Messia Maradona.
Una Napoli narrata con i dialoghi che sembrano scritti da Ingmar Bergman o le arabesche riprese dall’alto come le avrebbe istruite Francis Ford Coppola, senza dimenticare la lezione napoletana del nucleo intimo della storia come avrebbero fatto Capuano o Salvatore Piscicelli.
Un film incantevole dove tutte le attrici e tutti gli attori meriterebbero un premio, in primis Filippo Scotti, giovanissimo attore ma già intenso e maturo per affrontare ruoli che richiedono, come quello di Fabié, talento e sguardo “comunicante”.
Un assoluto capolavoro, uno spaccato di una storia intima ma proiettata su una Napoli degli anni ’80, mai folkloristica o oleografica.
Pino De Stasio
                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                        Fabiè interpretato da Filippo Scotti

Filippo Scotti

Facebooktwitterlinkedintumblrmail

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.